Social Share Counters

È un po’ di tempo che ho in mente di scrivere questo post.

La domanda a cui ho cercato di rispondere, in effetti, non è roba da poco, ma sentivo l’urgenza di spiegare perché, a mio parere, le persone fanno ancora figli.

Mi spiego meglio. Se consideriamo che il passato è passato, che i tempi in cui i figli erano la ricchezza (per il proletariato in un senso e per i nobili in un altro) sono finiti e che il tempo in cui ci si sposava e i figli si facevano perché non esisteva una scelta diversa è finito pure lui, allora viene spontaneo chiedersi come mai le coppie continuano a fare figli?

Certo, oggi il mondo è cambiato e (giustamente, credo) in tanti decidono di vivere la coppia senza procreare o di vivere da single e senza legami, ma c’è ancora chi fa una scelta diversa.

I figli sono un debito contratto a vita, sono preoccupazioni senza fine, sono fatica, mancanza di sonno, ti costringono a metterti da parte o quantomeno ti obbligano a una vita in cui TU non sei più al primo posto; ti fanno cambiare priorità e prospettiva. Ti impegnano, ti sfiancano, ti fanno incazzare e ti sconvolgono la vita.

Ci ho pensato tanto. Ed evitando le classiche risposte del tipo “la vita con i figli è più completa” e “ho trovato l’uomo/la donna della mia vita e mi viene naturale voler avere dei figli” (che a mio parere sono entrambe ragioni del tutto sindacabili e a tratti anche poco realistiche), io penso che le persone facciano ancora dei figli perché credono e sperano in un futuro migliore, perché i figli sono prima di tutto speranza e voglia di credere nella bontà della vita e del mondo.

La vita può essere piena e soddisfacente anche senza bambini da accudire. Si può vivere felici e appagati con la propria metà anche senza procreare.

Poi però per alcuni arriva il momento in cui la speranza diventa più forte, la paura della morte e della caducità della vita si fanno da parte, si fanno sempre più piccole e insignificanti le angosce e nel contempo la speranza diventa fortissima. E si decide che il mettere al mondo una nuova vita e prendersene cura sia il modo più bello per esprimere questo amore e questa speranza.

E il debito contratto a vita prende forma, nasce, ti guarda negli occhi e improvvisamente tutto assume un significato diverso, inaspettato e, soprattutto, meraviglioso.