Social Share Counters

Ci hanno illuse. E’ da tutta una vita che ci illudono con questa storia dell’uomo ideale, la metà della mela, il maschio Alfa.
Ma dove cazzo sono gli uomini? Qualcuno chiami Darwin per capire che fine hanno fatto. La storia dell’evoluzione si è inceppata sul maschio e non c’è altra spiegazione.

Sono rimasti quattro smandrappati sul pianeta Terra, un manipolo di mezzi maschi a rappresentare una vecchia gloria ormai scomparsa: l’UOMO eterosessuale. Siamo circondate da esemplari di “maschio scacciafiga”, rappresentanti della degenerazione della specie umana.

Oggi abbiamo l’uomo con la canottiera. Cioè la canottiera indossata come fosse una t-shirt e invece (cazzo!) è una canotta e dovresti bruciarla. Altro che la caccia alle streghe, bruciate quei brandelli di tessuto senza dignità

L’uomo con i jeans super skinny, ma così skinny che quando se li tolgono vorrei vedere cosa rimane del loro piccolo arnese. Poco o nulla direi. Un ologramma forse.

L’uomo che va dall’estetista per farsi le sopracciglia. Le sopracciglia ad ali di gabbiano che di naturale hanno solo il ‘gabbiano’. Risparmiate i vostri soldi e riprendetevi quei quattro peli.

Il maschio sempre abbronzato, quello che sembra un piccolo Plasmon con la stessa personalità di un biscotto per neonati: leggero al limite dell’evanescenza.

Il maschio (maschio?) con il mocassino e i pantaloni con risvolto, del tipo “acqua in casa, ma pelo fluente alle caviglie”. Inguardabile.

Il maschio con la tuta in acetato anni Ottanta. No. No. No. Non potete usarla neanche per portare i bambini a scuola. Non potete indossarla MAI e basta.

Un minuto di silenzio per l’uomo con il piumino bianco (lo yeti?), la fascia paraorecchie in pile, l’anello con la testa di leone, le collane e l’immancabile maschio con le ciabatte in città.

L’uomo con il marsupio. Requiem
Meritate l’estinzione PUNTO.

Ridateci il pelo incolto, la maglietta da pizzaiolo, il monociglio. Ridateci qualcosa, ne va della prosecuzione della specie umana.