Social Share Counters

Se state ancora valutando se portare i vostri pargoli a visitare Expo le informazioni e i consigli qui di seguito vi potranno essere d’aiuto.

1. I BIGLIETTI
I bambini al di sotto dei 3 anni hanno diritto all’ingresso gratuito, esistono inoltre formule speciali per le famiglie (ad esempio 2 genitori con 2 bambini fino a 13 anni possono usufruire del “pacchetto famiglia” al costo di 99 euro)

2. GLI SPOSTAMENTI
Il Decumano, la via principale lungo la quale sono dislocati i vari padiglioni, ha una lunghezza di circa 1.5 km, ecco perché potrebbe tornarvi utile il servizio gratuito di passeggini di cortesia. Per usufruirne è necessario registrarsi ed effettuare la prenotazione tramite l’app dello sponsor Chicco. Anche se il passeggino ve lo portate da casa tenete presente che questo vi dà diritto a saltare le code! Se siete con altri adulti fate attenzione però perché alcuni padiglioni consentono l’accesso ad un numero massimo di adulti per ogni passeggino che salta la coda.
In alternativa al passeggino c’è comunque People Mover, la navetta gratuita che effettua un giro in senso orario dell’area con 10 fermate, funziona per tutto il giorno e passa ogni 5-7 minuti.

3. COME ORGANIZZARE LA VISITA
Per prima cosa munitevi della Family Map, scaricabile anche dal sito ufficiale di Expo: l’esposizione propone tanti spazi e attività pensate per i più piccoli, questa mappa vi permetterà di individuarle al primo colpo e soprattutto vi consentirà di ottimizzare la visita. Non è infatti pensabile di visitare più di un quarto del sito in una sola giornata, meglio giocare d’anticipo e decidere a cosa dare priorità.
Soprattutto nel caso in cui aveste in mente di tornare più di una volta, un’idea molto carina è quella del passaporto dell’Expo: un documento del tutto simile a quello per viaggiare, è un po’ il gadget emblema di tutte le Esposizioni internazionali e vi permette di collezionare i timbri di tutti i padiglioni visitati dando così vita ad un souvenir del tutto personale. Costa 5 euro, si trova al negozio Excelsior, vicino all’ingresso Ovest (quello da cui si arriva con metro e passante).

4. I PADIGLIONI CONSIGLIATI
Padiglione zero: Per avere una quadro generale dell’argomento trattato, un”introduzione sul cibo realizzata con diverse installazioni
Padiglione Brasile: Per provare l’ebrezza di camminare sulla rete sospesa
Padiglione Save the Children: Per il villaggio esperienziale
Cascina Triulza: Per i children Lab
Children Park: Propone un percorso di 40 minuti suddiviso in otto tappe di esperienze multisensoriali (ad esempio riconoscere gli odori che si sentono nella campana che viene calata sulle testoline)
Padiglione UK: Per provare ad essere un’ape ed entrare in un alveare
Palazzo Italia: Per apprezzare la bellezza del nostro paese o partecipare ai numerosi laboratori
Padiglione Germania: E’ uno dei più meritevoli per ciò che concerne il tema di Expo, è stato creato un vero e proprio museo della scienza, con attività per i bambini di tutte le età e uno scivolo di metallo gigante
Padiglione Austria: Per sperimentare cosa si prova ad attraversare una foresta austriaca senza muoversi da Milano
Padiglione Estonia: Per creare energia andando in altalena
Padiglione Malesia: Per conoscere la storia dei semi
Future Food Distict: Per l’astronave per sicurezza alimentare
Kinder+Sport: Realizzato per promuovere uno stile di vita più sano tra le nuove leve, consente di praticare diversi sport tra cui l’arrampicata
Coca cola: Per provare gratuitamente 80 varianti della celebre bibita e delle altre del brand

5. GLI SPETTACOLI
Alle 11.00 e alle 16.00 è possibile assistere alla parata della mascotte Foody e di Rai YO-YO, mentre alla sera (21.00, 21.30 e 22.00) l’Albero della vita si accende in un entusiasmante spettacolo (della durata di circa una quarto d’ora) di luci e colori a tempo di musica che entusiasma non solo i bimbi. Prendete posto per tempo e approfittate anche per fare un giro sulle sedie rosse a trottola disseminate lì intorno.

Maria Donatella Cappiello
Architetto, laureata presso il Politecnico di Milano
Potete contattarmi via mail a:
cappiellomd@gmail.com