Social Share Counters

Da qualche anno a questa parte ho preso una buona abitudine. Io amo leggere, ma ammetto che spesso la sera sono davvero distrutta e faccio fatica anche solo ad andare avanti di qualche pagina col libro che sto leggendo. Preferisco di gran lunga leggere sulla mia amata metropolitana, mentre vado e torno a casa dall’ufficio.

Sono certa però che leggere a letto prima di dormire sia uno dei più grandi e splendidi piaceri della vita, al quale no, non voglio rinunciare. Perciò ho trovato un compromesso. Leggo poesia, tanta poesia. Anche solo un paio di pagine, anche solo qualche verso.
È vero che spesso si legano le poesie alla scuola, allo studio, al dovere e forse, inconsciamente, un poco lo facevo anche io. Poi mi sono “imposta” di tornare a leggere poesia, di riscoprire i classici che ho studiato al liceo e di scovare poeti di cui ignoravo (stupidamente) l’esistenza.

Leggere poesia, per me, è un antidoto alla sofferenza, una cura per tutte le brutture del mondo e, se non la panacea di tutti i mali, poco ci manca, ecco. Leggere poesia prima di addormentarmi mi riconcilia con la vita.
Perciò il mio consiglio, se la sera utilizzate la scusa del “sono troppo stanco non riesco a leggere nulla”, è quello di iniziare a riscoprire la lettura della poesia.

Quindi vi lascio qualche titolo col quale potrete iniziare e un paio di citazioni che vi convinceranno che la vita sarà più bella se accompagnata da qualche endecasillabo sciolto e qualche rima.

Citazioni sulla poesia

  • “Per me è pronto soccorso, la poesia, non una sviolinata al chiaro di luna. È botta di salvezza.” Erri De Luca
  • “Sono certo, certissimo, che un uomo che legge poesia si fa sconfiggere meno facilmente di uno che non la legge.” Iosif Brodskij
  • “Preferisco il ridicolo di scrivere poesie al ridicolo di non scriverne.” Wislawa Szymborska
  • “Ogni poesia è misteriosa. Nessuno sa interamente ciò che gli è stato concesso scrivere.” Jorge Louis Borges
  • “La poesia non è di chi la scrive, ma è di chi gli serve.” Mario (Massimo Trosi, “Il Postino”)
  • “Non usare il telefono. Le persone non sono mai pronte a rispondere. Usa la poesia.” (Jack Kerouac)

Libri di poesia che dovete avere sul comodino (per iniziare)

  • “Antologia di Spoon River” di Edgar Lee Masters
  • “La gioia di scrivere” di Wislawa Szymborska
  • “Poesie di una vita” di Pablo Neruda
  • “Ogni volta che mi baci muore un nazista” di Guido Catalano
  • “Cento poesie d’amore a Ladyhawke” di Michele Mari
  • “Poesie d’amore” di Nazim Hikmet
  • “Le ceneri di Gramsci” di Pier Paolo Pasolini
  • “Poesie – 1923/1976” di Jorge Luis Borges
  • “Le ragazze che seguivamo” di Charles Bukowski