Social Share Counters

Prima di poter giudicare, o più semplicemente, esprimere un parere personale e assolutamente soggettivo, (che poi se non dici che è soggettivo si incazzano tutti…che comunque se lo esprimo io sarà mio no?!), è bene conoscere la materia in questione.
Questo è stato il principio assassino che mi ha spinto a leggere la serie di “Cinquanta sfumature di…”. Ebbene, sono riuscita a leggere ben due volumi su tre, mi stimo da sola per la mia forza di volontà, sono proprio una gran donna. E già che ci siamo faccio outing: leggendo il secondo sono stata ad un passo dal tunnel della droga, ma ho desistito, perché io sono forte, ho partorito, mia figlia è una iena e io posso sopportare 671 pagine di vuoto cosmico.
Premetto che i romanzi rosa/erotici/cazzari non sono proprio la mia passione, ma giuro che ci ho messo tanto impegno e ora fatico a riprendermi…sarà la primavera o saranno tutte ‘ste minchiate, chi lo sa…

La trama del primo volume è così riassumibile: un manzo da competizione, ricco sfondato e con qualche problema psicologico legato ad abusi infantili, incontra una ragazza carina e mediamente intelligente e “ovviamente” scoppia la passione. Ma il riccone è abituato al sadomaso mentre lei è vergine. Lui cerca di farle provare le sue perversioni, lei ci prova, ma poi si tira indietro e lo lascia.

La trama del secondo volume è invece questa: lasciamo perdere il sadomaso, io ti amo troppo e posso rinunciare. E vai con 671 pagine di amplessi, scosciamenti, porcate, orgasmi… e che palle!!!
Ma basta…che poi ti giri nel letto e c’è tuo marito che russa con la bolla al naso e ti senti la più sfigata del mondo. La realtà è la bolla al naso, non questi libri cazzari.
E dico tutto questo, non perché voglio fare la radical chic che legge solo autori di un “certo livello” e che non si abbassa a tali stronzate. E’ bene leggere tutto, questo è il mio principio cardine, ma un amplesso ogni 5 pagine NO, non ce la posso fare e non ce la voglio fare. Copulate quanto ve pare, ma lasciatemi in pace.
Il mio parere è: leggete questi libri se l’alternativa è l’inferno o un pranzo con vostra suocera. Ve lo dico con il cuore in mano e ora vado a prendere un integratore multivitaminico che forse mi aiuterà a superare questa débacle.